Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la pagina Privacy Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Home

La Spezia e la Radiotelegrafia

La città della Spezia è uno dei luoghi storicamente più significativi d'Italia per quanto riguarda la radiotelegrafia.
Fu qui, nel luglio del 1897, che Guglielmo Marconi diede le prime dimostrazioni pratiche delle potenzialità del nuovo mezzo di telecomunicazione alla Regia Marina.
Fu qui che prese l'avvio il lungo percorso degli studi e delle sperimentazioni che la Regia Marina condusse per molti anni, avvalendosi dell'opera di Guglielmo Marconi, ma anche dell'opera di tanti validissimi suoi Ufficiali che concorsero in modo determinante a sviluppare ed a perfezionare quella grande invenzione.
La Regia Marina passò ben presto alle applicazioni pratiche utilizzando massicciamente la radiotelegrafia sulle sue unità navali ed installando e gestendo a terra le cosiddette "stazioni costiere" che tenevano i contatti con le navi al largo.
La prima stazione costiera italiana, sia pure sperimentale, sorse ad opera della Regia Marina sulla sommità dell'isola Palmaria nell'autunno del 1897, solo qualche mese dopo le dimostrazioni di Marconi.
Per molti anni le stazioni costiere furono gestite dalla Regia Marina, svolgendo anche il traffico radiotelegrafico mercantile ed i servizi relativi alla sicurezza della navigazione, in particolare per quanto concerne la salvaguardia della vita umana.
Le prime scuole per operatori radiotelegrafisti furono istituite dalla Regia Marina, e la prima in assoluto funzionò per molti anni presso la base del Varignano dal 1907.
Nei primi anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale venne installata, sui colli prospicienti il golfo, la stazione radio costiera detta "dei Cappuccini" che dopo un breve periodo di transizione, sostituì definitivamente la stazione radio di Ceparana che era stata pesantemente danneggiata nel corso degli eventi bellici. Questa stazione venne definitivamente dismessa il 25 marzo 1997.
Per una curiosa coincidenza la radiotelegrafia nella città della Spezia copre un secolo quasi esatto: dal luglio 1897 al marzo 1997 quando l'ultima stazione costiera utilizzante la radiotelegrafia fu chiusa.